lunedì 8 aprile 2013

Cura dei capelli: punte, lucentezza e riflessi

Bentrovate sul Gingilloblog!
Oggi vorrei parlarvi di cura dei capelli, ma non in generale, vi voglio parlare in modo specifico dei metodi che trovo validi per :
1) mantenere le punte sempre ben idratate e non "sparate" (e di riflesso come prevenire le doppie punte);
2) ravvivare la lucentezza dei capelli;
3 riflessarli leggermentissimamente senza ricorrere a parrucchiere, tinte chimiche, pastrocchi irreparabili e altre cose così. 

Altro fattore è il costo ridotto di tutto ciò che vi consiglierò. Pochi prodotti ma buoni, costanza e piccoli "riti" per nulla invasivi. Essendo pigrissima, sappiate che per me è indispensabile riuscire a gestire le mie chiome in poco tempo per cui benchè io ritenga validi questi consigli, col passare del tempo purtroppo io stessa chiudo più di un occhio a queste "regole", vuoi perchè è un periodo in cui ho davvero poco tempo, vuoi per noia, ma talvolta insomma preferisco fare altro. Ciò non toglie che ritenga queste regole degne di nota, in quanto quando ho seguito questi piccoli riti ho riscontrato un netto miglioramento nei capelli. Purtroppo nel tempo queste regole potrebbero non andare più bene, come è successo a me, ma tentare non nuoce! Inoltre lasciatemi sottolineare che moltissimo dipende dal tipo di capelli e che inoltre non sono una professionista, questi metodi sono andati bene PER ME in quanto vedevo degli effettivi risultati, di cui anche alcuni parrucchieri si sono accorti complimentandosi. Perciò se condividendoli posso aiutare anche solo una di voi che state leggendo, per me sarà una gran soddisfazione :)
Sottolineo che tipo di capelli ho, in modo che possiate anche capire se potete "identificarvi" o meno: medio-lunghi, sottilissimi, secchi, leggermente fragili, liscissimi, molto lucidi di loro. 
Ora vado con ordine e parlerò di ognuno dei tre punti.


1) Cura delle Punte
Questo è senz'altro il mio problema principale, ma fortunatamente pian piano sono riuscita a trovare dei prodotti, e dei metodi con cui usarli, che mi hanno aiutato. Ovviamente ho sempre la tendenza ad averle crespe e se non fossi costante nella cura mi ritroverei punto a capo (anche per questo col passare del tempo ho ceduto a qualche regola). Ecco cosa vi consiglio:

- quando li tagliate dal parrucchiere, EVITATE di farveli scalare con lo sfilzino. Ora io non ho idea del nome scientifico dell'aggeggio che scala i capelli, ma sicuramente ci siamo capite, sarebbe quell'affare che sembra un rasoio e che vi scala i capelli semplicemente lasciandolo "strisciare" sulle chiome. Se avete i capelli spessi o comunque resistenti, non vi preoccupate, fatevelo fare senza pietà. Ma se avete dei capelli sottili e fragili, quell'affare dovete evitarlo come la morte perchè l'effetto che ne viene fuori non è un bello scalato ma un bell'insieme di crudeli doppie punte! Forse non avevate mai considerato che potrebbe essere quello il problema lo so, ma credetemi, fa molto. Dite esplicitamente al parrucchiere di scalarvi i capelli con le forbici, se è necessario siate scortesi, voi state pagando per il servizio che volete voi non per quello che va di fare a loro. Se il parrucchiere è bravo, lo sa fare. Non vi fidate di chi vi dice "no ma non si può mica fare" perchè non è assolutamente vero, la mia parrucchiera lo fa e un altro pò, magari l'effetto è leggermente diverso, ma ne va della salute dei vostri capelli. Dite no allo sfilzino, SI alle care vecchie forbici!

non usate con costanza prodotti contenenti siliconi (i più frequenti sono: dimethicone, amodimethicone, cyclomethicone, cyclopentasiloxane). Non sono molto legata alla questione degli inci, e talvolta uso prodotti che li contengono soprattutto se si tratta di prodotti che non uso sempre, ma evitarli sui capelli è una buona cosa perchè a lungo andare questi potrebbero risentirne. La maggior parte dei cristalli liquidi e dei prodotti per le punte in commercio ne contengono perchè hanno la proprietà di "filmare" il capello facendo apparentemente riattaccare la doppia punta. Ovviamente quando va via il prodotto siete punto e a capo e dopo un uso smodato la situazione potrebbe anche peggiorare: il capello è ancora più arido e secco così diventate dipendenti da questa roba. Questo perchè il silicone non ha alcuna proprietà idratante e l'effetto è puramente estetico e temporaneo. Perciò, i cristalli liquidi limitateli a situazioni particolari in cui volete essere al top;

- usate balsami senza siliconi e multiuso, io al momento uso gli Splend'or ma ovviamente non sono gli unici con inci accettabili (ma sicuramente i più economici). Non saltate il seguente passaggio (o almeno fatelo quanto più spesso potete): mezz'ora prima di lavare i capelli, passate tra le punte asciutte una dose di balsamo SENZA SILICONI, non ne serve molto e non colerà, solo fate attenzione ad impregnare per bene tutte le punte, non siate superficiali nell'applicazione. Dopo averlo messo, attendete appunto mezz'ora circa, vi consiglio di legarvi i capelli così non sporcate e potete fare altro nel frattempo, perchè essendo il balsamo solo sulle punte non dovete fare particolar attenzione a come vi muovete e potete in questa mezz'ora fare un po' quello che vi pare, non si tratta di tempo in più bensì di tempo speso meglio. Ovviamente questo presuppone che dobbiate sapere quando vi laverete i capelli. Passata la mezz'ora, passate regolarmente il vostro shampoo, e se è di vostra abitudine ulteriore balsamo per districarli. Io la differenza l'ho vista dalla primissima volta che ho usato questo stratagemma e cerco di ricordarmelo ogni volta che mi lavo i capelli. Vi ripeto che non sono fissata sugli inci ma preferisco comunque non usare un balsamo siliconico per questo procedimento, se ho la possibilità di avere del tempo da dedicare ai capelli preferisco usare prodotti che non ne contengano e limitare l'uso dei siliconi a quando è per me necessario. 
non asciugare le punte col phon ogni volta che potete, e lo so questo è un bel problema soprattutto d'inverno, ma trattandosi solo delle punte ci si può provare. Asciugate regolarmente i capelli (possibilmente tenendo il phon lontano almeno 10 centimetri) ma non completamente. Inoltre cercate sempre di togliere la maggior quantità di acqua semplicemente tamponandoli con un asciugamano, così il tempo di asciugatura sarà ancora più breve. Purtroppo l'aria calda è uno dei fattori che pregiudica di più l'idratazione dei capelli (un po' come il riscaldamento con la pelle), però io non vi direi mai di non asciugarli d'inverno o quando fa freddo. Però ecco cercate dei metodi per evitare di doverli tenere molto tempo sotto il phon. 
- evitate come la morte piastre e altri aggeggi, per quanto delicati possano essere finiscono sempre per influire se usati con costanza. Cercate metodi alternativi per arricciare, ondulare (Youtube è pieno) o anche lisciare: dividete i capelli in tre larghe ciocche e poi giù di spazzola e phon, che sono andati bene per millenni, i capelli saranno meno "schiacciati", un effetto che inspiegabilmente piace molto, ma molto più sani! Se usate il balsamo nel modo che vi ho consigliato e fate costantemente maschere, vedrete che i capelli saranno semplicissimi da stirare e avrete bisogno di pochissimo tempo per farlo.


2) Come lucidare i capelli
Come vi dicevo io sono fortunata, sin da piccola ho sempre avuto dei capelli molto lucidi di loro, ma  vorrei condividere qualche suggerimento su come renderli davvero ancora più lucidi:

- ancora una volta, NO siliconi ogni giorno, cercate di limitarli. Sicuramente la lucentezza dei cristalli liquidi è molto allettante, ma dovete sempre pensare che non è "vera" e che al contrario a lungo andare vi danneggiano;

- quando lavate i capelli, fate l'ultimo risciacquo con un litro di acqua fredda (non gelata eh) con dentro un cucchiaio di aceto (meglio se quello di mele) e uno di succo di limone spremuto. Non tanto il limone nel mio caso quanto più l'aceto fa davvero davvero molto. Non vi preoccupate per l'odore, se ne andrà immediatamente dopo l'asciugatura, tranquille, non vi sentirete delle insalate ambulanti. Il limone però aiuta ulteriormente, e ad alcune fa molto più dell'aceto, quindi provateli entrambi. 
- usate le bustine di té usate e ancora annacquate passandole semplicemente tra i capelli. Essendo già usate la maggior parte dell'infuso sarà andato via quindi non vi lascerà dei riflessi ma solo un po' di luce in più. Anche in questo caso potete invece usare l'infuso ottenuto molto annacquato come ultimo risciacquo, ma fate attenzione perchè potrebbe riflessare leggermente (lo dico a chi ha i capelli chiari, su dei capelli scuri non credo si vedrebbe una differenza di colore);
- quando fate la maschera, aggiungete sempre un po' d'aceto, soprattutto quello di mele. Purtroppo in questo caso dovrete tenervi su un cattivo odore ma sarete ricompensate da una lucentezza notevole.

3) Per ravvivare o aggiungere riflessi senza usare roba chimica
Dunque qui arriviamo alla parte più "complessa". Per quanto mi riguarda i prodotti riflessanti in commercio non li userei, perchè se fanno qualcosa probabilmente è perchè contengono acqua ossigenata o altre cose così (tipo la famosa Schultz o il nuovo gel schiarente di L'Oreal). Inoltre siamo molto limitate con i colori, perchè si trovano quasi solo prodotti per schiarire o riflessare di biondo. Quindi veniamo al dunque:
- il té, anche e forse soprattutto quello da supermercato (perchè quello buono è meglio berlo!!) è un ottimo riflessante. Dona riflessi caldi e ramati. Ovviamente si tratta di riflessi molto poco evidenti, e soprattutto vanno fatti spesso perchè dopo qualche giorno si "spengono". Fate semplicemente un infuso e poi passatelo continuamente tra i capelli, mettendo sotto la testa una ciotola che raccolga l'infuso che anzichè andare perso potrete continuare a ripassare finchè non avrete fatto almeno 5 passaggi. Fatelo dopo aver lavato i capelli! Potete anche fare una maschera e inserire l'infuso, va benissimo, solo che dovrete incelofanarvi la testa per non gocciolare;

- l'hennè! L'hennè vince su tutto. Dovete fare attenzione agli ingredienti realmente presenti (alcuni non sono puri) e costa sui 6/7€ ma usandolo non a mo' di tinta ma solo per dei riflessi vi durerà tipo per tutta la vita. Allora molto semplicemente, dovrete usare poco hennè, tipo un cucchiaio da cucina, sciolto in pochissima acqua e poi inserire la quantità abituale del prodotto che usiamo per fare la maschera. Quindi, facciamo regolarmente la maschera riflessante e teniamola su per quanto più tempo possiamo, vi consiglio 3 ore minimo. Questo è il procedimento più lungo ma è anche quello che dà i risultati più duraturi. 
Il colore dell'hennè da scegliere è soggettivo, in base al riflesso che volete dare, io spesso uso un tono più scuro dei miei capelli, ci sono misture di vari colori che donano castani molto belli. Chiedete all'erborista di farvi vedere il dèpliant dove potrete capire che tipo di capelli otterrete con un certo colore. Ovviamente potete anche usare i rossi, i biondi o i neri, sempre a seconda del tipo di riflesso che volete. Se usate quindi pochissimo hennè di volta in volta anzichè usarlo tutto per una vera e propria tinta, ottenete dei riflessi. L'intensità del colore dipende dalla quantità di hennè e dal tempo di posa.

Falsi miti:
- non usate il limone per schiarire perchè non schiarisce un bel niente ragazze, l'unica cosa che fa è lucidare, soprattutto i capelli chiari, così i capelli essendo più lucidi potrebbero sembrare più chiari, ma non schiarisce. Evitatelo se avete i capelli molto secchi, al contrario è ottimo per i grassi! Il limone è un buon astringente;
- la camomilla qualcosinaina fa ma sempre "inaina". Potete usarla nel risciacquo ma ricordate che farà virare i capelli sempre ad un tono caldo, quindi se avete i capelli castani e fate il famoso "bagno di camomilla" (tenere l'infuso di camomilla sui capelli per 3 ore), avrete sempre e solo riflessi dorati che in base al vostro colore di base potrebbero virare ad altri colori, anche all'arancio.

Mini consiglio dell'ultimo minuto: in caso di emergenze, se avete bisogno di una specie di prodotto a mò di cristalli liquidi sappiate che esistono anche dei prodotti appositi come la crema Phyto e il balsamo senza risciacquo Yves Rocher che è più economico. Bene ragazze questi sono i miei consigli da non esperta, io spero che almeno uno di questi vi sia stato utile!! Quali sono i vostri segreti per mantenere i capelli idratati e curati?
Condividiamo il più possibile tutte le nostre conoscenze in merito! A presto!

Nessun commento:

Posta un commento

lasciami il tuo commento, sarà online a breve! grazie :*
leave here your comment, you'll see it as soon as possible, thank you xoxo